Blog

Anche AIRC tra i destinatari del lascito dell’egittologa Carla Maria Burri

Carla Maria Burri La dottoressa Burri, grande studiosa del mondo egizio e direttrice per alcuni decenni dell’Istituto Italiano di Cultura del Cairo, cita anche AIRC nel suo testamento.

Nel lascito, redatto nel 2006, la celebre egittologa designa erede della sua collezione archeologica il Museo e la Biblioteca di Crema, con preghiera di creare una sezione di arte egizia e greco-romana all’interno. Il suo tesoro più prezioso invece, contenuto presso i “frigoriferi milanesi” e la Banca Popolare di Crema, è stato destinato all’amico Giorgio Forni, medico della Lomellina proprietario del Castello di Sartirana. Il medico, appassionato collezionista d’arte, aveva acquistato il castello negli anno ’80 per farne un’importante sede museale. Le collezioni della Burri, contenute in 12 casse, sono state portate a Milano dall’esecutore testamentario per far periziare gli oggetti da un egittologo.

Oltre alle amiche, alle quale la Burri affida la proprietà di case e gioielli, l’egittologa cita nel suo testamento olografo l’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro, quale beneficiaria della “casa della macina”sita a La Ferriera di Pescia Fiorientina.

Torna alla lista »
Powered by Educom