Successione legittima

Share |
Versione per la stampa

COS'È LA SUCCESSIONE LEGITTIMA?

La successione legittima è quella regolata dalla legge,  in quanto gli eredi sono individuati dal codice civile e sono: il coniuge, i discendenti legittimi e naturali, gli ascendenti legittimi, i collaterali e gli altri parenti entro il sesto grado.
In presenza di più soggetti è erede il parente con il legame più stretto, con esclusione dei parenti più remoti.

QUALI SONO I PARENTI CHE NON POSSONO ESSERE ESCLUSI DALL'EREDITÀ?

Vi sono alcuni familiari, che la legge tutela, che hanno sempre diritto ad una quota di eredità; questi sono denominati “legittimari” e sono il coniuge,  i figli legittimi, i figli naturali, gli ascendenti legittimi. Ai figli legittimi sono equiparati i legittimati e gli adottivi.
La libertà di disporre per testamento è quindi limitata dall’eventuale esistenza  di legittimari.

NELLA SUCCESSIONE LEGITTIMA, QUALI SONO I PARENTI CHE EREDITANO?

Nel caso di successione legittima, sono eredi  i parenti più vicini alla persona scomparsa, escludendo dalla successione i parenti più lontani.
I parenti possono essere in linea retta (padre – figlio; nonno – nipote): in questo caso le persone discendono direttamente l’una dall’altra,  oppure in linea collaterale (fratelli; zio – nipote);in questo caso pur avendo un ascendente comune, le persone non discendono l’una dall’altra
La legge italiana prevede che siano successibili il coniuge, i discendenti, gli ascendenti e gli altri parenti fino al sesto grado.

QUALI SONO I PARENTI CHE HANNO DIRITTO ALLA QUOTA DI RISERVA?

Le persone che hanno diritto alla riserva sono:il coniuge, i figli (o i loro discendenti, se i figli sono premorti), i genitori (solo in assenza di figli).