Le disposizioni non patrimoniali

Share |
Versione per la stampa

Sebbene il testamento sia concepito proprio per dare una destinazione al proprio  patrimonio, esso può contenere, oltre a disposizioni di carattere patrimoniale, anche disposizioni a carattere non patrimoniale quali ad esempio:

  • interessi di tipo familiare;
  • designazione di un tutore per un figlio minore;
  • il riconoscimento di un figlio naturale.

In particolare le disposizioni testamentarie non patrimoniali possono consistere in disposizioni che non hanno valore giuridico ma solo morale, che acquistano una particolare solennità proprio perché espresse in sede testamentaria: il testatore può per esempio esortare gli eredi a riconciliarsi, oppure può raccomandare loro di tenere un certo comportamento, conforme ai propri ideali.

Esistono inoltre disposizioni non patrimoniali aventi un valore giuridico, che consistono nella “riabilitazione di un indegno a succedere” con la quale il testatore esprime il perdono nei confronti di chi si è reso responsabile di determinate azioni di particolare gravità ai danni del testatore stesso o di suoi familiari, e nella “nomina del tutore” nel caso in cui il testatore, il cui coniuge sia premorto, individua la persona che dovrà ricoprire la carica di tutore dei propri figli minori.

Esistono inoltre disposizioni non patrimoniali aventi un valore giuridico, che consistono nella “riabilitazione di un indegno a succedere” con la quale il testatore esprime il perdono nei confronti di chi si è reso responsabile di determinate azioni di particolare gravità ai danni del testatore stesso o di suoi familiari, e nella “nomina del tutore” nel caso in cui il testatore, il cui coniuge sia premorto, individua la persona che dovrà ricoprire la carica di tutore dei propri figli minori.
Questa designazione è vincolante per il giudice tutelare perché la legge presume che nessuno meglio del genitore possa individuare la persona più adatta, nell’ambito della cerchia familiare, a seguire i propri figli.

Esistono inoltre disposizioni testamentarie di carattere non patrimoniale che hanno la caratteristica di non poter essere revocate; si tratta di dichiarazioni che non possono essere ritrattate, quali ad esempio il riconoscimento di un figlio naturale.