Quando il testamento è nullo

Le principali cause di nullità del testamento sono:

  • i vizi di forma essenziali del testamento olografo, per esempio la mancanza della firma o la mancanza di autografia, che si verifica quando il testamento non è interamente scritto di pugno del testatore;
  • la disposizione a favore di soggetti indicati in modo generico, cioè in modo da non poter essere identificati;
  • le disposizioni illecite.


Il testamento congiunto o reciproco

Il testamento reciproco (cioè un documento unico con il quale due soggetti dispongono l’uno in favore dell’altro) e il testamento congiunto (con un unico atto due persone dispongono in favore di un terzo), sono nulli.

Esecuzione volontaria di un testamento nullo

L’art. 590 del codice civile stabilisce che non può essere contestata la validità del testamento da parte di chi, pur conoscendo la causa della nullità, ha confermato la disposizione o ha dato ad essa volontaria esecuzione.

In tale situazione, non viene sanato il testamento rendendolo valido, in quanto la causa della nullità permane, ma l’iniziativa di impugnazione può essere assunta da chiunque vi abbia interesse, tranne che da colui che ha dato volontaria esecuzione al testamento.
Powered by Educom