Home divisorio Guida al Testamento

Blog

divisorio Guida al Testamento

Eredità Karl Lagerfeld ed eredità al gatto: è possibile?

Blog

Eredità Karl Lagerfeld ed eredità al gatto: è possibile?

karl lagerfeld eredità

Dopo la morte di Karl Lagerfeld l'eredità è diventata subito oggetto di discussione: dove sarebbe finito il tesoro milionario costruito dal celebre stilista? La destinazione dell'eredità è ancora un mistero, ma secondo alcune voci la fortunata potrebbe essere Choupette, una gattina birmana nata nel 2011, di cui Lagerfeld era profondamente innamorato. Choupette sarebbe una delle poche della sua specie a poter vantare una fortuna milionaria; ciliegina sulla torta, la bufera mediatica nata attorno a questa gatta l'hanno resa una vera e propria icona dell'alta moda, e perfino un'influencer a tutti gli effetti. Ma è davvero possibile lasciare la propria eredità al gatto?

L’animale domestico può ereditare?

In Italia, la legge non prevede la possibilità di un lascito al proprio animale domestico. Questo accade, molto semplicemente, perché gli animali domestici non sono soggetti giuridici, ma vengono equiparati a beni di proprietà. Dopo il decesso del proprietario, infatti, anche cani, gatti e pesci ornamentali entrano a far parte dei beni da distribuire agli eredi.

Un futuro tranquillo per l’animale domestico

Ma fortunatamente, chi è interessato a lasciare parte della propria eredità al cane o al gatto, per garantire loro un futuro tranquillo, può comunque trovare una soluzione. Basterà indicare, nel testamento, un soggetto o un ente quale beneficiario di una somma di denaro o di un bene a condizione che provveda al mantenimento e alla cura del proprio animale domestico per tutta la durata della sua esistenza; nel caso non possa o voglia farlo, tale somma o bene potranno essere attribuiti ad un secondo soggetto in sua sostituzione che avrà lo stesso onere di mantenimento e cura.

Il testatore può nominare anche un esecutore testamentario con il compito di verificare che siano eseguite correttamente le volontà di chi fa testamento, a tutela del proprio animale domestico.

Si tratta, insomma, di un'eredità conferita in maniera indiretta, che garantirà comunque il benessere dell'amato pet anche dopo la dipartita del padrone.

Torna alla lista »
Copyright ©2006-2019 FIRC-AIRC - Privacy - Cookie - Chi siamo
Powered by Educom